IBI

IBI

di Andrea Segre

Sinossi

Da un’idea di Matteo Calore e Andrea Segre – Un film documentario di Andrea Segre – Con le immagini di Ibitocho Sehounbiatou

Ibi è nata in Benin nel 1960, ha avuto tre figli e nel 2000 in seguito a seri problemi economici ha scelto di affrontare un  grande rischio per cercare di dare loro un futuro migliore.
Li ha lasciati con sua madre e ha accettato di trasportare della droga dalla Nigeria all’Italia.
Ma non ce l’ha fatta. 3 anni di carcere, a Napoli.

Una volta uscita Ibi rimane in Italia senza poter vedere i figli e la madre per oltre 15 anni.  Così per farli entrare nella sua nuova vita decide di iniziare a filmarsi.
Racconta sé stessa, la sua casa a Castel Volturno dove vive con un nuovo compagno, Salami, e l’Italia dove cerca di  riavere dignità e speranza.
Dalle immagini che Ibi ha realizzato è nato questo film.

Un viaggio intenso e intimo nel mondo difficile, vivo e colorato di un’artista visiva ancora sconosciuta.

L’autore

Nel film sono presenti molte immagini realizzate da Ibi che abbiamo montato in una direzione guidata non solo dalla comprensione di ciò che a Ibi è successo (o meglio succede, nel tempo presente delle sue riprese), ma anche dal fascino  che la posizione etica ed estetica di Ibi raccontano.
Vogliamo che lo spettatore possa seguire l’io pre-narrante di Ibi, rimanendo con lei e non vivendola come oggetto, terza  persona che testimonia una condizione di ingiustizia e sofferenza. Ibi ha sofferto, ma ha soprattutto raccontato, lottato e sorriso. È con lei che lo spettatore potrà stare, senza guardarla da fuori.

Andrea Segre

La visione del film completo è riservata ai sostenitori di ZaLab. Vuoi diventare un sostenitore? Clicca qui

7 Risposte

  1. Profile photo ofgibellini.sergio@gmail.com gibellini.sergio@gmail.com ha detto:

    In questo video ho riscontrato problemi di audio.
    Nella prima parte almeno non si sente alcun audio. Per cortesia potreste verificare? Molte grazie.
    Negli altri tre film invece l’audio si sente.
    Cordiali saluti
    Sergio

    • comunicazione zalab ha detto:

      Ciao Sergio, grazie per la tua segnalazione.

      Abbiamo provveduto a sostituire il video, che come effettivamente segnalavi, aveva dei piccoli segmenti privi di audio.

      A presto e buona visione!

      Un caro saluto, il team ZaLab.

  2. Profile photo ofgibellini.sergio@gmail.com gibellini.sergio@gmail.com ha detto:

    Molto bene! Grazie e auguri!

  3. Profile photo ofgibellini.sergio@gmail.com gibellini.sergio@gmail.com ha detto:

    Il film è molto bello e commovente.
    Ibi sorrideva sempre e ci rimarrà nel cuore!
    Chi le ha negato il permesso non avrà il suo sorriso.
    Grazie!

  4. mrsgeppo@infinito.it ha detto:

    Ibi: un esempio di incrollabile tenacia di chi lotta (con il sorriso) sperando nel futuro, anche in un paese dove avere diritti non è poi così scontato e i desideri non sempre si realizzano.

  5. Giulia Paola Bruno ha detto:

    Grazie Zalab!!
    Molto bello…

  6. Profile photo ofinfo@deltacinematica.com Maurizio Cinti ha detto:

    Tenero e sensibile.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi