NOSTALGIA DELLA LUCE

NOSTALGIA DELLA LUCE

di Patricio Guzmán

Sinossi

Nel deserto di Atacama, in Cile, sono installati i telescopi più potenti del mondo. Mentre gli scienziati esplorano le immensità del cielo, gli archeologi sondano il terreno alla ricerca delle tracce delle popolazioni precolombiane. Tra gli uni e gli altri si aggira un terzo fronte di ricerca: i parenti dei desaparecidos massacrati sotto il regime di Pinochet, a caccia dei resti dei loro cari.

Un film di struggente bellezza e accorata denuncia, un’originale e profonda riflessione sulla memoria.

L’autore

La memoria – così come il calore della luce del sole – ci rassicura sul fatto che siamo vivi. L’essere umano non sarà mai privo di memoria – un oggetto senza palpitazioni – senza inizio e senza un avvenire. Dopo 18 anni di dittatura, il Cile ha conosciuto nuovamente la democrazia. Ma a quale prezzo…

Patricio Guzmán

La visione del film completo è riservata ai sostenitori di ZaLab. Vuoi diventare un sostenitore? Clicca qui

9 Risposte

  1. Riccarda Mariani ha detto:

    Un film di una bellezza struggente, che è riuscito a legare la memoria, il passato, con il mistero da cui tutti veniamo, il cielo. Solo chi ha memoria riesce a vivere la fragilità del presente. Fotografia e colonna sonora strepitose, all’altezza di una regia magistrale. Grazie!

  2. Valentina Vivona ha detto:

    Grazie per aver reso disponibile questo indispensabile documentario. Avete pensato alla possibilità di lasciare la scelta tra versione originale e doppiata?

  3. Francesco Garbo ha detto:

    meraviglioso! peccato per il doppiaggio..

  4. David Ruben barbaglia ha detto:

    Grazie per aver reso fruibile questo film di una potenza straordinaria! Sarebbe interessante vederlo anche in lingua originale. A presto

  5. Giuseppe De Ninno ha detto:

    Bellissimo!
    +1 per la versione originale
    Grazie

  6. Marina Morani ha detto:

    Peccato per il doppiaggio, la versione originale sottotitolata sarebbe stata preferibile.

  7. Laura Fantini ha detto:

    Appena finito di vedere. Non riesco a “commentare” o forse lo sentirei riduttivo..
    ..Le donne di Calamo, non ne ero a conoscenza.
    E’ mai stato portato nelle scuole??
    GRAZIE Patricio Guzman. Grazie Zalab.

  8. Nino Raddi ha detto:

    Grazie poesia in immagine ,musica nella memoria . Memoria di persone morte non per una guerra ma massacrate perchè desideravano un mondo di stelle , ” siamo figli delle stelle ” . Molto attuale perchè ” i negazionisti”vogliono cancellare la memoria all’umanità . Tre modalità di ricerca quella dell’astrofisico nel cielo , quella dell’archeologo sotto terra e quella delle donne nella memoria intima affettiva . Tre vie che racchiuderei nella sequenza del respiro di Valentina ( 1.25 )che avvolge con dolcezza suo figlio. Grazie Patricio Guzman . Grazie Zalab come sempre un ottimo lavoro

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi