REVELSTOKE

REVELSTOKE – Un Bacio nel vento

di Nicola Moruzzi (disponibile da giovedì 2 luglio)

Sinossi

Il 15 ottobre 1915, tra le montagne del Canada Occidentale, un tragico incidente sul lavoro stronca la vita di AngeloConte, giovane emigrato veneto di 28 anni. Nei trenta mesi trascorsi lontano da sua moglie Anna, Angelo non smise mai di scriverle. Cent’anni dopo quelle lettere d’amore sono riemerse da un cassetto, dando vita ad una nuova avventura. Nicola Moruzzi, regista del documentario e pronipote di Angelo, parte per il Canada con la sua compagna Irene, sulle tracce del bisnonno scomparso.

L’autore

Com’è finito il mio bisnonno Angelo in Canada nel 1913? Cosa rimane di quell’avventura lontano da sua moglie e da sua figlia? A cosa pensava l’attimo in cui è morto? Queste sono le domande da cui sono partito e Revelstoke – Un Bacio nel Vento è iniziato così: col desiderio di sapere e di raggiungere un punto lontano nello spazio e nel tempo. Quel punto è la sua tomba, su cui per cent’anni nessuno ha mai messo un fiore. La provvidenziale scoperta delle lettere d’amore tra Angelo ed Anna, rimaste nascoste in un cassetto di famiglia, ha messo in moto un desiderio allo stesso tempo personale e filmico, per cui ho voluto coinvolgere nell’impresa Irene, la mia compagna di vita e di lavoro. Un “on the road” utopico il nostro, in cui non sono mancate le sorprese e le scoperte, i paesaggi e gli incontri. “Se lo troviamo” – ci siamo detti con Irene – “lo riportiamo ad Anna, che sono cent’anni che lo aspetta”. E qualcosa abbiamo trovato veramente.

Nicola Moruzzi

La visione del film completo è riservata ai sostenitori di ZaLab. Vuoi diventare un sostenitore? Clicca qui

2 Risposte

  1. marco rivi ha detto:

    Bella Nik!
    Bravi Ragazzi……

  2. Nino Raddi ha detto:

    Indagare il passato è vedere il presente. Quanta fatica hanno fatto i migranti italiani per sperare una vita migliore per loro e la famiglia. Ho amici veneti che hanno parenti in ogni nazione delle Americhe e grazie agli sforzi dei loro avi godono oggi di una vita migliore. La sofferenza degli immigrati di oggi che scappano dalla guerra , dalla povertà per cercare un futuro migliore in Europa è la stessa dei nostri bisnonni . Grazie del racconto e dell’empatia poetica che siete riusciti a trasmettere anche con il commento musicale. Nino

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi